e-book reader

e-book reader

Se vi diciamo due nomi come Jacques Legendre e Catherine Dumas, a molti di voi non diranno niente, però in Francia, almeno in questi giorni per gli amanti della letteratura, sono abbastanza noti. Questi due parlamentari sono i fautori di una proposta di legge, successivamente approvata, che prevede che gli ebook, in Francia, abbiamo un unico prezzo. Tutti uguale. Il mercato dei libri digitali, in Francia, è ancora l % del totale, però l’attenzione rivolta a questa piccola fetta di mercato è tanta, infatti oltre ad aver fissato il prezzo standard per tutti, il decreto legge approvato impone una tassazione più bassa. Dal 19% al 5,5% dal 2012.

In Italia invece niente si muove sotto questo punto di vista, i nostri politici non prestano tanta attenzione a questo mercato ancora piccolo ma in espansione. Non vogliamo fornirvi noi un parere su questa proposta di fissare un prezzo unico per tutti gli ebook, lasciamo a voi la possibilità di essere favorevoli o contrari, però come sempre cerchiamo di informarvi sulla vita dei libri digitali e sulle loro trasformazioni.

Luca Romano

Annunci
e-book reader

e-book reader

Kindle di amazon è sicuramente l’ebook reader più famoso del mondo, inoltre ci sono applicazione di amazon che permettono di utilizzare kindle non solo sull’apposito apparecchio creato dalla casa americana, ma anche su android, windows phone e altri sistemi operativi per smartphone e tablet. Ma qual è la novità? La novità consiste nel fatto che da oggi su kindle si potranno non solo scricare ebook, come è sempre avvenuto, ma prenderli in prestito. Oltre 11.000 biblioteche americane in tutto il mondo renderanno disponibili i propri titol, si potranno prendere appunti a margine e restituire i libri senza che questi appunti vengano visti da nessuno. Inoltre se un giorno dovessimo riprendere in prestito questi volumi, i nostri appunti saranno ancora lì, disponibili per una nuova consultazione. Questa innovazione sarà sicuramente utile per gli studenti che parlano lingua inglese in tutto il mondo, il problema di amazon e di kindle per il pubblico italiano e non solo, rimane comunque l’imposizione della lingua inglese dovuta alla grandissima mole di testi fruibili. Tutte le altre lingue infatti contano decisamente meno volumi in archivio e talvolta alcuni testi non sono nemmeno reperibili. Questo è un limite che Amazon dovrà superare, noi intanto vi raccontiamo gli aspetti migliori e le iniziative interessanti, aspettando di potervi raccontare che la più grande libreria del mondo, ha in archivio gran parte dei testi italiani.

Luca Romano

e-book reader

e-book reader

Con un occhio d’attenzione alle novità, che abbiamo sempre avuto, vi segnaliamo una notizia inaspettata. Da pochi giorni sono stati pubblicati, dall’associazione degli editori americani, i dati di vendite relativi a febbraio 2011. E qual è la grande novità? Per la prima volta nella storia dell’editoria, si sono venduti più ebook che libri su carta. L’AAP (Association of American publishers) dichiara infatti aumentate del 202,3% le vendite di ebook nel mese di febbraio, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Probabilmente questo dato è strettamente connesso, spiega l’associazione, alle grande vendita di ereader nel periodo natalizio. In ogni caso la svolta sembra per il mercato mondiale sembra imminente. Chissà se il mercato italiano sarà pronto, qui da noi, infatti, sembra abbastanza reticente anche solo la vendita di ereader, tuttavia anche qui l’editoria ha bisogno di una scossa, magari questo potrebbe essere lo stimolo giusto.

Luca Romano