William Faulkner, Una rosa per Emily, Adelphi, pp 99, € 9,00

William Faulkner, Una rosa per Emily, Adelphi, pp 99, € 9,00

Il Faulkner di “Una rosa per Emily” è il Faulkner delle prime volte. Tre racconti di presa di coscienza, tre donne che attraversano la linea d’ombra, tre gimcane di autoaffermazione. Un volumetto Adelphi che abbraccia storie del profondo Sud, un Sud dannatamente americano eppur così vicino alla robustezza e compostezza di certe nostre madri. Accorpati in un quadernetto di 99 pagine, sotto il titolo del più celebre racconto, nonché del primo in ordine cronologico, questi scorci di vita americana si misurano in finestre, fucili e cedri. “Miss Zilphia Gant” apre le danze: una vita alla finestra. Una finestra di chiusure e frustrazioni, un mondo da guardare e non toccare, una assoluta devozione ad una madre “con l’abilità di un uomo” e “la pertinacia di una parca” che scandisce i momenti di vita/non vita del suo creato. Un amore visto a sbarre al di qua delle inferriate, tra un odore di pittura e uno di mancata felicità. La forza di una donna che si riscatta dall’ereditarietà della colpa e che fa sopravvivere una progenie tutta al femminile, incurante delle dicerie e del suo essere “grassa come una pernice”. Anche la signora Emily si affaccia alla finestra. Raramente è una figura intera, quel che si scorge è il suo mezzobusto, in una nicchia, a vigilare su un passato da preservare e su un futuro da immobilizzare. Un paese protagonista che indaga nella vita della donna, che da giudizi e risposte, che non comprende il dolore di un lutto insuperabile. Una donna di polvere che si posa con cura e omogeneità su quel che ha amato. A chiudere il cerchio una giovane Juliet in “Adolescenza”. Una vita selvaggia da scandire al ritmo delle stagioni, due corpi nudi che si inondano di vita distanti dagli imbarazzi che il sesso scatena, odore di cedri e occhi di cenere. Un tiro alla fune con un passato disgraziato, un sentimento fraterno che si riaccende sotto una luna “che occhieggia da uno squarcio fra le nuvole”. Leggere questi racconti è un lasciarsi trasportare dalle descrizioni vivide e talvolta noir del più accessibile Faulkner, è un immergersi in situazioni crude e accattivanti con l’occhio discreto del voyeur, è trovare il coraggio di imbracciare i fucili.

Valentina Introna